Program

December 1st

9.00 – Teatro
Saluti istituzionali
Gianfranco Marrone – Introduzione
Paolo Fabbri – Artificare il tatuaggio: un dermatoscopio semiotico
Tiziana Migliore – Tegumenti. Il sé-pelle o la propriocettività dell’enunciazione

11.00 – coffee break

11.30 – Atelier 1, Teatro
Dario Mangano – Obiettivo tatuaggio
Francesca Polacci – Scarificazione e controllo politico dei corpi: la “giungla” di Calais documentata da S. George
Giuditta Bassano – Tatuaggio e corpi: profondità, permanenza, storia, disegno, possesso
Ilaria Ventura, Tatto branding

11.30 – Atelier 2, Biblioteca
Sergio Bonanzinga – Suoni che lasciano il segno: tatuaggi, musiche e dinamiche identitarie
Francesco Mangiapane – Suicide girls: le narrazioni di Riae
Emiliano Battistini – Tatuaggi sonori. Un’analisi
Iara Rosa Farias – A iconologia da tatuagem em Chico Buarque

13.30 – pausa pranzo

15.00 – Teatro
Francesco Remotti – Il tatuaggio dalla sofferenza alla bellezza: una scrittura indelebile del corpo
Matteo Meschiari – Little World Big Skin. Mappe tatuate e corpo-paesaggio

16.30 – Atelier 3, Teatro
Ivan Grinko – Tattoo and city branding
Piero Polidoro – Aerei tatuati: iconografia e semiotica della “nose art”
Cristina Greco, Marco Mondino – Tatuare la città: street art, riscritture e pratiche di rimozione
Gabriele Marino – Attraverso la pelle crittografata della città: il peculiare caso dei pizzini ana(l)grammati di Torino

16.30 – Atelier 4, Biblioteca
Davide Puca – Storie di mare sulla pelle. Il tatuaggio marinaresco dall’old school al contemporaneo
Bruno Surace – Il paradosso dermatoglifico. Sulla discorsivizzazione del tatuaggio da Melville a Instagram
Fernando Catani – A Rosa de Seis Pétalas
Cristina Pantellaro – Ex voto. Tatuaggi religiosi, strani e meravigliosi

December 2nd

9.00 – Teatro
Mohamed Bernoussi – Le tatouage au Maroc, mise au point et nouvelles perspectives
Frank Jacob – Japanese Tattoo Semiotics

11.00 – coffee break

11.30 – Atelier 6, Teatro
Patrizia Lendinara – I Pitti (dipinti o tatuati) tra storiografia e enciclopedismo
Mónica Santillán Trujillo – The tattoo as ancestral legacy and dicotomic element of national identity
Gabriella D’Agostino – “I tatuaggi sono motivo di non idoneità quando, per la loro sede e natura, siano deturpanti o per il loro contenuto siano indici di personalità abnorme”
Alessio Petrizzo – Tatuaggio e forme di politicizzazione popolare nel lungo Ottocento
Simone Ghiaroni – Stupido è chi non si disegna

11.30 – Atelier 5, Biblioteca
Alice Giannitrapani – Tatoo in tv
Enzo D’Armenio – Rimediare il corpo: tatuaggi, body illustration e calligrafia artistica al cinema
Martina Federico – Il tatuaggio nel passaggio trailer-film: Memento e La promessa dell’assassino
Giulia Raciti – Il tatuaggio: dalla pelle-pellicola all’iconosfera

13.30 – pausa pranzo

15.00 – Teatro
Peter Petkoff – Bodies as Icons – Image and Embodiment in Eastern Christianity
Mario Ricca – Tatuarsi. Cosmogrammi carnali per un mondo Altro

16.30 – Atelier 7, Teatro
Ahmet Taşğın, Marcello Mollica, Öner Atay – Tattoos in a Muslim Community: Stuck Between Forbidden and Beauty
Pierluigi Cervelli – Segni criminali: il tatuaggio fra corpo, sguardo e linguaggio
Rosario Perricone – “Se aveste dovuto trottare, non aveste avuto il ghiribizzo di marcarvi come cavalli!”. Francesco Bertè e del “Tatuaggio di Sicilia…”

16.30 – Atelier 8, Biblioteca
Roberto Molica – Marchiature. Quando il tatuaggio dà forma all’Altro
Alessandro Mancuso – Suddivisioni sociali, marche di bestiame, tatuaggi e altri grafismi tra i Wayuu